• Facebook Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Blogger Icona sociale
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon

© 2000 Bottega del Presepe

Cerullo Giuseppe

 

Nato a Napoli nel quartiere in cui nacque Sant'Alfonso Maria De Liguori (autore della pastorale "Tu Scendi dalle stelle").
La sua passione per l'arte presepiale nasce già da piccolo,quando il padre, come da tradizione napoletana, nel periodo delle festività natalizie costruiva, coinvolgendo i propri figli, il classico presepe napoletano. Successivamente, in seguito a maturazione tecnica ed artistica, ha partecipato a numerosi concorsi e mostre di arte presepiale, portando il suo significativo contributo all'arte presepiale in Italia e nel mondo, non dimenticando di continuare a perfezionarsi nello stile e nelle creazioni.

Bifaro Antonio

 

Nato a Napoli, dove il presepe oltre che a rappresentare un forte evento religioso ha anche significato d'arte e cultura.
Affascinato da tempo da questo mondo di creatività presepiale in particolare al presepe napoletano del 700, dedicandomi negli ultimi anni alla lavorazione di accessori di cera, approfondendo le conoscenze e le tecniche, attraverso accurate ricerche legate alla storia e alle origini del presepe del 700 napoletano.

Ogni manufatto viene realizzato a mano in cui anche le piccole imperfezioni diventano particolari irripetibili.

Il Presepe.

Tutto ebbe inizio nell’anno 1025 quando venne allestito il primo presepe  a Napoli presso la chiesa chiamata Santa Maria del Presepe che sorgeva in piazza San Domenico Maggiore  fino ad arrivare ai giorni nostri dove si è trasformato in una vera e propria arte. All’inizio veniva allestito solo nelle chiese ed era considerato un simbolo religioso. Ma tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700 il presepio incomincia ad essere presente anche nelle case dei nobili. Ed è in questo periodo che nelle scenografie vanno ad affiorare insieme alle figure sacre anche scena di vita quotidiana del tempo quali ad esempio la taverna, i venditori di carne e frutta, ecc. I pastori erano rappresentativi anche delle patologie dell’epoca quali ad esempio il tiroidismo e i bulbi del vaiolo.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now